News

Novità, aggiornamenti ed Eventi

CONTRATTO DI LOCAZIONE, LA GUIDA PER GLI AFFITTI

Quando dobbiamo stipulare un contratto di locazione bisogna fare particolare attenzione, per questo motivo è meglio affidarsi a dei professionisti del campo, come Il Gruppo Faini!

Il Codice civile definisce il contratto di locazione come quell’accordo tramite il quale una parte (detta locatore) si obbliga a far godere all’atra parte (locatario o conduttore) un bene mobile o immobile per un determinato periodo di tempo a cambio di un corrispettivo in denaro pattuito.
Il contratto di locazione ad uso abitativo è quello che ha per oggetto immobili affittati con lo scopo di essere abitati dal conduttore o dal suo nucleo familiare.
A disciplinare questo modello è la legge 431/1998 oltre agli articoli non abrogati dalla legge 392/1978.

 

CONTRATTO DI LOCAZIONE 3+2
Nel contratto di affitto 3+2 (detto anche canone concordato) il prezzo è determinato in base ad accordi territoriali stipulati tra le associazioni dei proprietari di immobili e i conduttori.
La durata minima del contratto è stabilita dalla legge. Si tratta di una durata minima di tre anni alla cui scadenza vi è una proroga di ulteriori due anni, fatta salva la facoltà di disdetta nei casi previsti dalla legge (il cosiddetto 3+2)



CONTRATTO DI LOCAZIONE 4+4
Il contratto 4+4 (detto anche a canone libero) è quello con un prezzo di affitto liberamente determinato dalle due parti (locatore e locatario).
La legge stabilisce una durata di 4 anni, con una proroga di altri 4, sempre e quando non sopraggiunga una particolare disdetta.
Al di là dei limiti imposti per legge, il contratto di locazione a canone libero è costituito da elementi accessori che possono essere liberamente aggiunti al contratto, come ad esempio l’adeguamento all’indice Istat.


CONTRATTO DI LOCAZIONE TRANSITORIO
Il contratto d’affitto transitorio consente al proprietario di un immobile di dare in locazione la sua proprietà per un periodo di tempo limitato; perchè questo sia possibile devono sussistere determinate condizioni, che vanno indicate con opportuna documentazione tra le clausole del contratto.



CONTRATTO DI LOCAZIONE PER STUDENTI
I contratti d’affitto per studenti universitari rappresentano una formula particolare di contratto ad uso transitorio che deroga alle normali condizioni previste dalla legge per incontrare gli interessi di locatore e conduttore. Affinché un tale atto possa essere stipulato, sono necessari due requisiti:

  • lo studente deve avere residenza in un Comune diverso rispetto a quello in cui l’immobile in affitto si trova (dettagli da inserire nel contratto);

  • tale immobile deve ubicarsi nello stesso Comune in cui è presente l’Università cui lo studente è iscritto, o in un Comune limitrofo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *