News

Novità, aggiornamenti ed Eventi

Cessione del credito 2022, le novità

Superbonus 110: la cessione del credito nel 2022 cambia nuovamente. 
L’emendamento al Decreto Aiuti, presentato dal Governo e approvato dalle Commissioni Finanza e Bilancio della Camera, allarga per le banche la possibilità di cedere i crediti maturati dal superbonus 110 e dagli altri bonus fiscali a tutti i correntisti dotati di Partita IVA, quindi alle aziende. 
Si tratta di una novità retroattiva, che dovrebbe servire a rimettere in circolo il credito bloccato di banche e poste italiane. 

Ma vediamo come funziona la cessione del credito (e lo sconto in fattura) dopo le ultime notizie.

Come funziona la cessione del credito?

La cessione del credito nel 2022 consente ai contribuenti che effettuano lavori di riqualificazione sul proprio immobile usufruendo dell’ ecobonus 110 e degli altri bonus fiscali previsti dal Decreto Rilancio di cedere il credito così maturato. 

Considerando le distinte disposizioni normative approvate sulla cessione del credito essa può avvenire:

  • prima cessione a favore di qualsiasi soggetto, sia da parte dei committenti sia da parte dei fornitori che hanno effettuato lo sconto in fattura.
  • seconda cessione a favore solo di soggetti qualificati come poste, banche, e intermediari finanziari iscritti all’albo con possibilità di un’ulteriore cessione a favore di operatori qualificati.
  • le banche e le società appartenenti a un gruppo bancario secondo la prima formulazione del decreto Aiuti potevano cedere i crediti sempre a favore di correntisti professionali. Ma è qui che entra in gioco l’ultima novità.

Superbonus 110% le ultime novità

Le ultime novità sul superbonus 110 riaprono la partita della cessione del credito. Un emendamento al Decreto Aiuti, presentato dal governo e che ha già incassato la fiducia della Camera, introduce la possibilità per le banche di cedere i crediti sempre ai propri correntisti titolari di Partita IVA. Questi a sua volta possono usarlo solo in compensazione.

Si tratta di una novità che entra in vigore a partire dal 16 luglio e ha valenza retroattiva perché riguarda tutti i crediti, anche quelli derivanti da cessioni realizzate prima dell’entrata in vigore del decreto Aiuti stesso.

Come funziona il 110 per cento cessione del credito?

La cessione del credito del superbonus 110 e degli altri bonus fiscali è un accordo grazie al quale il creditore trasferisce il proprio diritto di credito a un terzo soggetto, che a sua volta lo riscuoterà dal debitore.

Per quanto riguarda i lavori di riqualificazione energetica o ristrutturazione nei confronti delle case ad essere ceduto è il credito d’imposta. Si tratta di un credito verso lo Stato con cui si possono compensare i debiti e ridurre le imposte dovute.

Per qualsiasi informazione non esitare a contattarci e segui la nostra pagina Facebook: Faini Amministrazioni